Home / Destinazione  / Dintorni  / Dintorni/Mete  / La Torre di Marceddì conquista il Premio InArt Sardegna 2023

La Torre di Marceddì conquista il Premio InArt Sardegna 2023

Il restauro è stato finanziato dalla Fondazione MEDSEA e dal Comune di Terralba consentendo il recupero della parte muraria e degli spazi interni

Torre di Marceddì

La Torre di Marceddì ha ricevuto uno speciale riconoscimento per gli interventi di restauro e di allestimento avvenuti in questi ultimi anni. Un percorso lungo,  complicato, ma che ha dato comunque i suoi frutti a cominciare dal premio In/Architettura Sardegna 2023,  promosso da Inarch Istituto Nazionale di Architettura e ANCE in collaborazione con Archilovers.

Il progetto è stato possibile dopo che il territorio ha deciso unanimemente di rimettere mano all’edificio abbandonato da oltre 70 anni. MEDSEA con il Comune di Torralba ha saputo riconoscere il valore della Torre di Marceddi affidando l’intera operazione agli architetti Pier Paolo Perra e Maria Franca Perra. Terminato nel 2021, uno dei monumenti storici più iconici della zona di Oristano è tornato al suo splendore originario pronto per essere ammirato dai visitatori da tutto il mondo.

Dagli interventi effettuati in questi anni il restauro mirava a preservare la parte muraria  e degli spazi interni ripristinando così il valore estetico dell’intero edificio e delle aree limitrofe. L’idea è partita 5 anni fa mentre nel 2020 sono cominciati i primi lavori che comprendevano anche l’allestimento interno curato dallo studio Casciu Rango Architetti che ha dato un contributo importante nel processo di conservazione della memoria storica della torre, costruita tra il 1578 e il 1584.

Il complesso, con forma circolare tronco-conico, un diametro alla base di circa 12 metri e un’altezza di 9,40 metri, faceva parte del sistema difensivo realizzato dalla Corona di Spagna per impedire i saccheggi e le incursioni dei saraceni. Una struttura gestita dalla Reale Amministrazione delle Torri creata da Filippo II di Spagna nel 1581 e che era al centro di politiche ben precise del Regno che si scontrò contro l’impero ottomano.

Il premio In/Architettura Sardegna 2023 va a chiudere un cerchio cominciato diversi anni fa quando si è deciso di restituire alla popolazione una torre di quasi 500 anni. Grazie alla bravura e alla finezza dello studio di architettura di Mario Casciu e Francesca Rango da oggi si potrà finalmente apprezzare un pezzo di storia della Sardegna.

Riccardo Lo Re

[aps-counter]