Home / Notizie  / Marina Porto Cervo/News  / Spettacolo a Cagliari con gli allenamenti a due di Luna Rossa

Spettacolo a Cagliari con gli allenamenti a due di Luna Rossa

 Il 22 si solleverà il sipario sulla 37esima edizione della Coppa America quando si disputerà l’ultima tappa delle regate preliminari, ma dove si vedranno finalmente le imbarcazioni ufficiali Ac75 Mancano ormai poche settimane al via della

 Il 22 si solleverà il sipario sulla 37esima edizione della Coppa America quando si disputerà l’ultima tappa delle regate preliminari, ma dove si vedranno finalmente le imbarcazioni ufficiali Ac75

Mancano ormai poche settimane al via della più importante competizione velica al mondo: la Coppa America. Tutti i team che si daranno battaglia nel mese di ottobre sono impegnati negli ultimi test e verifiche della barca che poi andrà in acqua a Barcellona. Allenamenti quotidiani per testare imbarcazioni, ma anche preparazione fisica e tattiche. In Italia la base della nostra “Luna Rossa” è a Cagliari al molo Ichnusa. E in questi giorni non è raro vedere i nostri eroi impegnati nelle sfide a due su due imbarcazioni, l’Ac40 monotipo e il prototipo di Luna Rossa. Un grande spettacolo per i fortunati curiosi che si sono imbatutti in queste astronavi a vela volare sul mare “sbrillucicante” della Sardegna. Un deciso cambio di marcia del Team Luna Rossa anche in seguito alla pubblicazione del calendario di tutti gli appuntamenti “preliminari” che culmineranno con la disputa della 37esima America’s Cup. Il sipario si solleverà il 22 agosto, con la cerimonia inaugurale dell’evento e l’inizio della terza e ultima regata preliminare: si tratta di un momento molto atteso perché, per la prima volta, i team regateranno con i nuovi AC75. Dopo 4 giorni iniziano le Challenger Selection Series (Louis Vuitton Cup) che dureranno sino al 5 ottobre. Le regate di selezione comprendono due gironi eliminatori (Round Robin) dove ogni team incontra tutti gli altri due volte. Regatano i cinque challenger più Emirates Team New Zealand, anche se i risultati dei match contro il Defender non saranno conteggiati ai fini della classifica. Al termine dei gironi eliminatori il team con il punteggio più basso sarà eliminato, mentre gli altri quattro accederanno alle semifinali, in programma dal 14 al 19 settembre al meglio delle 9 regate (vince chi si aggiudica 5 vittorie). Il primo team in classifica potrà scegliere il suo avversario. Le finali della Louis Vuitton Cup si svolgono dal 26 settembre al 5 ottobre al meglio delle 13 regate (vince il primo che se ne aggiudica 7): lo sfidante vittorioso avrà il diritto di affrontare il Defender Emirates Team New Zealand nel Louis Vuitton 37^ America’s Cup Match, che si svolgerà dal 12 al 21 ottobre, al meglio delle 13 regate.  All’interno di questo fitto calendario riservato ai team “ufficiali” di Coppa America, si inseriscono gli eventi dedicati ai giovani e alle donne a bordo dei monotipi AC40. Le regate dei 12 team partecipanti alla Youth e alla Puig Women’s America’s Cup prevedono sia prove di flotta sia una finale a match race tra i due migliori team. La finale della Youth America’s Cup si svolgerà tra le regate 1 e 2 della finale della Louis Vuitton Cup (il 26 settembre 2024), mentre la finale della Puig Women’s America’s Cup è prevista tra le regate 3 e 4 della Louis Vuitton 37^ America’s Cup (il 13 ottobre 2024). «Allenarci con due barche era in programma sin dall’inizio», spiega Max Sirena, Skipper e Team Director di Luna Rossa Prada Pirelli, «abbiamo semplicemente rispettato il calendario che ci eravamo prefissi: in principio ci siamo dedicati al prototipo, concentrando gli allenamenti e i test su quella barca; finito il periodo di sviluppo, possiamo adesso focalizzarci sull’equipaggio. L’opportunità di avere due barche e tanti velisti di eccellenza ci permette di fare diverse rotazioni e anche innesti con i talenti delle prossime regate giovanili e femminili di Barcellona». Niente speed test, dunque? «Non avrebbero senso», prosegue Sirena, «dato che il prototipo è molto diverso dall’AC40; quello che ci interessa non è la velocità, ma esercitarci nelle manovre di match race, in quelle di prestart e nei giri di boa». Che allenarsi con due barche sia un ottimo esercizio per l’equipaggio, lo conferma Francesco “Checco” Bruni, uno dei timonieri di Luna Rossa. «A noi del sailing team la navigazione con due barche non basta mai. Abbiamo incrociato più volte le persone per studiare sia le diverse configurazioni a bordo, sia gli assetti delle imbarcazioni. In linea di massima facciamo simulazioni di partenze e manovre, insistendo e ripetendo più volte lo stesso esercizio, ma in condizioni sempre diverse. La settimana passata, infatti, abbiamo incontrato due giorni di vento molto forte e due di aria debole, ci sono mancate le condizioni medie. Navigare con due barche richiede un grande sforzo da parte del team e dello shore team in particolare, ma sicuramente per noi è fondamentale».

Davide Mosca