Home / Stili di Vita  / Benessere & Sostenibilità  / S’Ozzastru eletto albero monumentale del 2023

S’Ozzastru eletto albero monumentale del 2023

L'esemplare di Luras si è aggiudicato il concorso Italian Tree of the Year e correrà per l’Albero Europeo dell’anno nel 2024

S'Ozzastru

La Sardegna, con i suoi 285 alberi monumentali, è una delle regioni che hanno saputo proteggere il patrimonio arboreo nel corso degli anni. Un esempio virtuoso ed efficace di tutela della storia passata senza dimenticare affatto la terra e le sue radici. Per questo è straordinario sapere che il Patriarca della Natura, S’Ozzastru, ha ottenuto un risultato che fa piacere a tutta la comunità sarda. Un traguardo che consacra la centralità della natura e della sostenibilità sull’isola da sempre attenta a questi temi. L’Olivastro millenario di Luras, situato nella zona di  Santu Baltolu, si è infatti aggiudicato il concorso Italian Tree of the Year promosso Giant Trees Foundation considerata una delle organizzazioni che punta alla difesa e alla diffusione della conoscenza legata ai grandi alberi del nostro Paese. Nel concorso erano presenti altri tre alberi italiani: La Sequoia Gemella di Villa Sammezzano a Reggello (Firenze); L’Abete dei Briganti della Riserva Naturale Abetina di Rosello (Chieti); e Il Larice di Val d’Ultimo del Maso Ausslaner Santa Geltrude in Val d’Ultimo (Bolzano).

olio d'oliva

È stata davvero una sfida all’ultimo voto visto che parliamo di alberi monumentali di straordinario valore. Storia e natura in questo caso si sono intrecciate regalando degli esemplari che hanno lasciato il segno sulle civiltà antiche e moderne. Gli utenti, durante il concorso Italian Tree of the Year, hanno espresso la loro preferenza facendo vincere uno degli alberi più longevi in Sardegna. L’Olivastro millenario di Luras, con i suoi 44.256 voti ricevuti,  correrà per l’Albero Europeo dell’anno nel 2024. La pianta spicca per una circonferenza di 11,6 metri e 14 metri di altezza, ma per essere definito il Patriarca della natura non basta la sua struttura robusta, che testimonia la sua longevità. Il suo punto di forza è dettato dalla sua resistenza dal momento che la stima della sua età è compresa tra i 3000 e i 4000 anni. Per questo in Sardegna non è considerato semplicemente un albero, ma un vero e proprio simbolo di resilienza rispetto alle avversità dei conflitti, delle guerre, e al logorio incessante del tempo.

Riccardo Lo Re

[aps-counter]

POST TAGS: