Home / Dintorni/Attualità  / Sartiglia entra nel vivo con la Candelora: i biglietti vanno a ruba

Sartiglia entra nel vivo con la Candelora: i biglietti vanno a ruba

Cresce l’attesa dopo le restrizioni della pandemia. La Sartiglia ritrova i suoi rituali e la gioia di chi attende questa testa da molto tempo

Sartiglia

Vanno letteralmente a ruba i biglietti della nuova edizione della Sartiglia. Uno degli eventi più attesi della Regione per la sua storia e le sue tradizioni che arrivano da molto lontano. Proprio in questi giorni si è tenuta la cosiddetta Candelora, ovvero la consegna dei ceri benedetti ai componidoris (i signori  della Festa) che quest’anno sono Danilo Casula e Giampaolo Mugheddu. Si tratta di un’antica festività cristiana, che secondo consuetudine si celebra il 2 febbraio che coincide con la presentazione al Tempio di Gesù e la purificazione della Beata Vergine Maria. Giusto per dare un contesto a questo evento in molti paesi questa giornata è legata da canti tradizionali, processioni e la benedizione delle candele.  A Oristano è il primo passo che porterà all’appuntamento più sentito dalla comunità: la Sartiglia. Una festa che non va vissuta solo alla fine, ma va percorsa in ogni sua tappa.

Sartiglia

Questo perché religione e tradizione popolare si uniscono in rituali che sono da sempre il cuore di una comunità come quella sarda. La città si è riunita attorno ai  veri protagonisti della giornata, tra cortei e sorrisi della gente pronta al grande salto della Sartiglia 2023.

La giornata dei Gremi (le antiche corporazioni in epoca antica) è cominciata con le messe e la benedizione dei ceri. Il Gremio dei Contadini,  si è ritrovato nella chiesa di San Giovanni dei Fiori, mentre la messa del Gremio di San Giuseppe si è svolta nella Cattedrale di Santa Maria. Prima della classica consegna dei ceri ai componidoris, i gremi compiono un vero e proprio omaggio alle autorità comunali. Il Comune è infatti uno dei soggetti coinvolti in questo rito con il dono dei ceri benedetti, trasferiti in questo caso a Palazzo Campus Colonna al sindaco Massimiliano Sanna dai presidenti dei due Gremi, Mauro Solinas e Antonio Mugheddu.

Infine c’è stato il grande momento della consegna dei ceri ai Componidoris designati: Danilo Casula per il Gremio dei Contadini e Giampaolo Mugheddu per il Gremio dei Falegnami.

Riccardo Lo Re

[aps-counter]

POST TAGS: