Home / Gourmet  / Chef Stellati  / Ristorazione, la Costa Smeralda è sempre al top

Ristorazione, la Costa Smeralda è sempre al top

Un 2022 ricco di novità con l’apertura di Zuma Porto Cervo e le importanti riconferme con la presenza di “Nobu” Matsuhisa nell’iconico Hotel Cala di Volpe

Costa Smeralda

La Costa Smeralda ha ormai acquisito lo status di una delle più importanti dining destination del Mediterraneo. Cinque stelle anche in cucina, dove cibo, clima, ambiente, lusso, vengono ammantati da un’aura quasi mitica legata alla longevità, con piatti e ingredienti unici e riconosciuti come di eccellenza a livello planetario. L’ultimo gioiello che si aggiunge alla collezione di Smeralda Holding, società controllata da Qatar Holding proprietaria dei principali asset turistici a cinque stelle della Costa Smeralda, è Zuma Porto Cervo, in virtù di una partnership con Azumi Ltd, premiata multinazionale attiva nella ristorazione, presente a livello internazionale con numerosi brand e location dallo stile raffinato. Grazie ai due piani panoramici, Zuma Porto Cervo offre un nuovissimo rooftop con vista aperta sulla Marina. L’indirizzo del ristorante e del lounge bar è strategico, perché a pochi passi dalle esperienze di shopping e lifestyle offerte dalla Promenade du Port. L’inaugurazione del locale si è svolta, con il taglio ufficiale del nastro, lo scorso 18 luglio a Porto Cervo. Per l’occasione ufficiale erano presenti: come ospite d’onore lo sceicco Faisal Bin Saoud Al Thani presidente Qatar Holding Smeralda Invest; i più alti rappresentanti del Comune di Arzachena, a partire dal sindaco, Roberto Ragnedda; il presidente del Consiglio comunale, Mario Russu e membri della giunta comunale; il presidente di Smeralda Holding, Franco Carraro; il Ceo di Smeralda Holding, Mario Ferraro; l’Area Manager Costa Smeralda & General Manager Hotel Cala di Volpe, Franco MulasDejan Popadic, COO del gruppo Azumi e Corrado Lamanuzzi, il direttore delle operation Italia del gruppo Azumi.

Gli ospiti di Zuma possono gustare dei cocktail preparati con cura abbinati alla tipica cucina giapponese contemporanea. Al piano superiore i protagonisti sono la robata grill e il bancone del sushi, con un design a pianta aperta che consente un flusso naturale di atmosfera lungo tutto il piano.

Il menu comprende i piatti signature di Zuma, come la ricciola piccante con peperoncino verde, ponzu e aglio marinato e il maiale iberico con koshu allo yuzu e salsa al tartufo. Ancora cucina orientale, dopo la conferma nell’iconico Hotel Cala di Volpe dello chef Nobuyuki “Nobu” Matsuhisa, uno dei più influenti al mondo, che propone esperienze culinarie uniche. La partnership tra Matsuhisa e l’Hotel Cala di Volpe è iniziata nel 2018 con un progetto pop-up, poi consolidata nel 2019 con l’apertura del ristorante “Matsuhisa at Cala di Volpe”, situato in un’area dell’hotel con vista mozzafiato sulla baia, uno dei panorami più famosi del Mediterraneo. Nella grande offerta dell’Hotel Cala di Volpe, poi, c’è sempre il Beefbar, che resta un caposaldo anche per la stagione 2022. I gyozas asiatici, i panini bao, le quesadilla messicane ripiene di manzo di Kobe affumicato; poi il ceviche, la tartare di vitello e tonno: sono queste solo alcune delle prelibatezze che si possono gustare in una sorta di viaggio sensoriale che ripercorre le tappe e le scoperte del suo ideatore, Riccardo Giraudi.

Giandomenico Mele

[aps-counter]