Home / Dintorni/Attualità  / Positivo l’indice di natalità in Gallura

Positivo l’indice di natalità in Gallura

A confermarlo il dato appena diffuso dalla Asl territoriale che ha certificato 779 nascite nel 2023 con ben 130 bimbi nati da genitori provenienti da 37 stati esteri

Gallura

La Gallura continua a trainare l’economia della Sardegna e non solo quella. È di questi giorni, infatti, la fotografia diffusa dalla Asl Gallura che con i dati sulla natalità del 2023 dimostra come questo angolo di territorio continui a registrare una controtendenza positiva rispetto alla Sardegna in generale, la regione dove nascono meno bambini in Italia. Nel 2023 i nati in Gallura sono stati, infatti, 779: lo stesso numero dell’anno precedente. Nel corso del 2023 nel presidio ospedaliero olbiese si sono registrati anche sette parti gemellari. Il territorio gallurese si conferma, inoltre, multietnico: ad esclusione di quello italiano, sono ben trentatre gli Stati rappresentati da ben 130 bimbi. Al primo posto anche questanno ci sono i nuovi nati di origine rumena (34), seguiti da quelli di origine marocchina (23), albanese (11), senegalese (7), bosniaca e russa (4). I paesi rappresentati da tre nascite sono Regno Unito, Cina, Pakistan, Svizzera e Brasile. Due nuovi nati per Germania, Venezuela, Filippine, Tunisia, Repubblica Dominicana, Macedonia, Spagna, Nigeria, Siria e Slovacchia. Un neonato a testa, infine, per Moldavia, Portogallo, Corea del Sud, Ucraina, Cuba, Bangladesh, Ecuador, Kirghizistan, Austria, Kosovo, Stati Uniti e Messico. Grande gioia per l’ultimo arrivato del 2023 e peri primo del 2024. È Edoardo, un bel bimbo di 3,430 kg di Luras, il primo nato del nuovo anno nellospedale Giovanni Paolo II di Olbia. Il piccolo, secondo figlio di Gaia Pirisinu, 31 anni, casalinga, e Giovanni Depperu, 33 anni, imprenditore agricolo, è nato questa notte alle 3.17 con parto naturale. Il suo arrivo era stato preceduto poche ore prima da un altro fiocco azzurro: alle 21.55 era venuto alla luce Andrea, ultimo nato del 2023 in Gallura e primo figlio di una coppia di Palau, Ylenia Inzaina, 32 anni, commessa, e Pietro Serra, 41 anni, muratore. Andrea ha pesato 3,180 kg ed è nato in seguito a un parto cesareo. «Siamo felicissimi – commenta Gaia Pirisinu, la mamma del primo nato – la nascita di Edoardo è stata accolta con gioia naturalmente da parte di noi genitori, ma pure dai nonni e dagli zii». Ad attendere a casa Edoardo ci sarà anche il fratello Antonio, di un anno e due mesi detà. «È stato lultimo regalo del 2023, la nostra felicità è enorme, è il nostro primo figlio», aggiunge Ylenia Inzaina, mamma di Andrea, l’ultimo nato dello scorso anno. Entrambe le donne hanno ringraziato il personale della struttura sanitaria olbiese. La Direzione Aziendale della Asl Gallura coglie loccasione per porgere i migliori auguri ai nuovi nati e alle loro famiglie. «Quello appena trascorso- ha commentato il Direttore dellUnità Operativa di Ginecologia e Ostetricia, Giangavino Peppi – è stato un anno importante per il nostro reparto e per tutto il nuovo Dipartimento Donne e Minori da me diretto. Nonostante le gravi difficoltà del post pandemia e le carenze strutturali di personale medico, purtroppo condivise con tutto il Paese, abbiamo fatto passi avanti nei processi di riorganizzazione mirati a mettere al centro della nostra attività le pazienti. Sappiamo che la strada non è semplice, ma stiamo mettendo i primi tasselli al posto giusto. Abbiamo differenziato da alcuni mesi i percorsi delle interruzioni di gravidanza, che vengono programmate in Day Surgery, da quelli delle pazienti che devono partorire in Ginecologia. È stata, inoltre, introdotta a giugno una modalità di contrasto del dolore al travaglio di parto con la collaborazione dellUnità Operativa di Anestesia e Rianimazione, attraverso lautosomministrazione di una miscela di protossido dazoto e ossigeno, uniniziativa che è stata particolarmente apprezzata dallutenza. È stata anche reintrodotta lopzione del parto in acqua, che era stata sospesa qualche anno fa. Abbiamo poi attivato un nuovo ambulatorio di Uroginecologia per contrastare i disturbi del pavimento pelvico riscontrati da molte donne soprattutto nel post gravidanza. A Tempio Pausania è stato inaugurato il progetto Domino per individuare percorsi veloci di accesso alle cure rivolti alle donne e ai minori. Sono tutte attività che puntano al benessere della persona e a umanizzare le cure – conclude Peppi – e che cercheremo di consolidare e potenziare anche nel prossimo futuro».

Davide Mosca

[aps-counter]

POST TAGS: