Home / Stili di Vita  / Arte-Cultura  / Oliviero Toscani in Sardegna per fotografare i centenari sardi

Oliviero Toscani in Sardegna per fotografare i centenari sardi

Il grande fotografo ha sposato subito l’idea del regista Pietro Mereu ed è volato a Ogliastra per visitare casa per casa tutti gli “highlander”

Oliviero Toscani

Come recitava un antico proverbio “chi semina bene raccoglie i buoni frutti”. E a giudicare dai riscontri e dai traguardi che sta ottenendo, sembra proprio che Pietro Mereu presidente dell’Associazione Culturale Mater Dea, abbia trovato la chiave giusta per raccontare una Sardegna diversa. Ancora poco conosciuta e piena di fascino e mistero. Come? Approfondendo la tematica della longevità del popolo sardo e in particolare dei centenari che affollano una specifica zona dell’Isola: l’Ogliastra considerata una delle cinque Zone Blu al mondo dove si vive più lungo. E dal prezioso documentario “Il Club dei centenari” di acqua sotto i ponti ne è passata, con conferenze, presentazioni e dibattiti, come quello di successo organizzato a Porto Cervo con il Longevity Fest.

Un fascino e una magia che ha attirato perfino l’attenzione del grande maestro della fotografia Oliviero Toscani che ha accettato subito l’invito di Mereu per un nuovo progetto fotografico che avesse al centro proprio i centenari. Ed è così che Toscani dal 4 all’8 settembre, accompagnato da Mereu e dalla vicepresidente dell’associazione Culturale Mater Dea Ludovica Piras, ha battuto l’Ogliastra, casa per casa nei comuni di Arzana, Baunei, Perdasdefogu, Villagrande, Talana e Urzulei per fotografare questi highlander sardi all’interno delle proprie mura domestiche.

«Cento, cento anni! un miraggio che però mette anche una certa paura – ha raccontato Oliviero Toscani -, pur essendo il sogno di tutti arrivare a questa età. I centenari mi incutono un senso di quiete, forse perché dimostrano di non voler ottenere di più dalla vita di ciò che hanno già avuto. Stranamente trovo che si assomigliano fra loro, mi danno limpressione di appartenere a una comunità di extraterrestri, hanno un’aria mista di passato di futuro. Sono sicuramente degli esseri umani molto affascinanti». Toscani è uno dei fotografi più innovativi di sempre a metà strada tra arte, moda e comunicazione ed è il creatore del progetto Razza Umana – Man Race. Il progetto fotografico si avvale del patrocinio dei comuni della Blue Zone dOgliastra: Arzana, Baunei, Perdasdefogu, Talana, Urzulei e Villagrande Strisaili e del sostegno della Fondazione Sardegna Film Commission. Il lavoro verrà poi stampato su delle gigantografie che verranno posizionate nei vari comuni della Blue Zone di appartenenza dei centenari in una mostra permanente. «Sono tanti i fotografi che si sono cimentati nel ritrarre i centenari sardi – ha poi spiegato Mereu -, ma io ho sempre pensato che ci volesse un progetto comune e un grande maestro che li ritraesse.

È così che ho voluto contattare Toscani. Lui ha sposato subito il progetto raccontandomi che in uno dei suoi primi lavori aveva ritratto ad Arles la donna più vecchia del mondo Jeanne Calment, vissuta fino a 122 anni, che da bambina puliva i pennelli di Van Gogh.  In anteprima, poi, vi dico che stiamo già lavorando per portare lintera mostra con tutte le foto riunite in una location molto prestigiosa di Roma prevista per marzo 2023».

Davide Mosca

[aps-counter]