Home / Stili di Vita  / Benessere & Sostenibilità  / Muoversi fa bene, anche se lo si fa solo nel weekend

Muoversi fa bene, anche se lo si fa solo nel weekend

L'attività fisica concentrata nei giorni liberi ha effetti preventivi come quella ben distribuita. L’importante è muoversi. Ma quanto? Ecco i consigli a seconda della fascia d’età

Muoversi

L’attività fisica, si sa, fa bene. È ormai appurato che muoversi regolarmente può prevenire e aiutare a gestire malattie cardiache, diabete e tumori, può ridurre i sintomi di ansia e depressione e migliorare il benessere generale. Per tutti, almeno tre certezze: anche muoversi poco è meglio di niente, se si aumenta la quantità di esercizio un po’ alla volta ci si fa del bene, meno si sta fermi e seduti e meglio è. A seconda delle età, invece, ecco le quantità di movimento raccomandate.

A fine 2020 l’Organizzazione Mondiale della Sanità, al grido di “Every move counts” aveva presentato le nuove linee guida per l’attività fisica e la sedentarietà, sottolineando che il movimento, di qualunque tipo – è importante fare sport ma anche il movimento impiegato per spostarsi, lavorare o sbrigare le faccende domestiche, far giocare i bambini, curare il giardino, portare a spasso i cani – purché sicuro e commisurato alla persona, fa bene ad ogni età e in ogni condizione fisica.

Ma quanto bisogna muoversi per stare in salute? Ecco le quantità di movimento consigliate a seconda dell’età:

Bambini e ragazzi (5-17 anni)

I giovanissimi dovrebbero praticare almeno un’ora al giorno di attività fisica da moderata a intensa e almeno tre volte a settimana fare esercizio aerobico più intenso, per rafforzare muscolatura e scheletro.

Adulti (18-64 anni)

Almeno 150-300 minuti di attività aerobica moderata o almeno 75-150 minuti di attività intensa o una combinazione equilibrata fra le due nel corso della settimana. Meglio ancora, poi, se si riesce anche a praticare attività di potenziamento muscolare un paio di volte a settimana.

Da 65 anni in poi

Le persone più mature dovrebbero svolgere esercizio aerobico moderato per almeno 150-300 minuti o intenso per 75-150 minuti a settimana, eventualmente combinati. In più dovrebbero impegnarsi almeno un paio di volte a settimana in attività che rafforzano la muscolatura e migliorano l’equilibrio.

Sibilla Panfili

[aps-counter]