Home / Stili di Vita  / Arte-Cultura  / L’omaggio della Sardegna alla “sua” Grazia Deledda

L’omaggio della Sardegna alla “sua” Grazia Deledda

La città di Nuoro promuoverà una serie di celebrazioni in occasione dei 150 anni dalla nascita della grande scrittrice. Invitato anche Mattarella

Grazia Deledda

La Sardegna rende omaggio alla sua Grazia Deledda. E lo fa in occasione del 150esimo anniversario della nascita della grande scrittrice. La pandemia non renderà le cose più facili, ma un appuntamento di questo genere non potrà certo passare inosservato. Sarà quindi soprattutto la città Nuoro, cuore della Barbagia e luogo di nascita di Grazia Deledda, a promuovere una serie di iniziative che culminerà il prossimo 28 settembre, cioè il giorno del compleanno di quella che è stata la prima donna italiana a vincere il premio Nobel per la letteratura, nel lontano 1926.

Le celebrazioni

Le celebrazioni, dunque, riguarderanno in particolare Nuoro e tutti quei luoghi attorno alla città in cui Grazia Deledda, nata nel 1871, ha ambientato i suoi immortali romanzi, come per esempio Cenere, Canne al vento e La madre. Un calendario di eventi che punterà a esaltare la figura di Grazia Deledda attraverso diverse iniziative culturali, tra letteratura, musica, teatro, poesia, folklore, enogastronomia, storia, urbanistica e natura. «Questo sarà l’anno delle celebrazioni nella città che ha dato i natali a Grazia Deledda – ha spiegato come riporta l’Ansa Andrea Soddu, sindaco di Nuoro, durante la conferenza stampa di presentazione dell’evento -. Le celebrazioni inizieranno nel 2021 e proseguiranno nel 2022, tenendo fermo come data il 28 settembre, giorno del compleanno della scrittrice. Stiamo mettendo in campo idee e progetti con la collaborazione con enti culturali e altre istituzioni». Una serie di iniziative che sarà anche di respiro internazionale.

«In questo evento vorremmo far parlare Nuoro e la Sardegna, ma non solo. Si avranno rimbalzi anche nazionali e internazionali – ha detto l’assessore alla Cultura Luigi Crisponi, come riporta ancora l’Ansa -. Abbiamo già contattato alcuni ministeri e contatteremo la Presidenza della Repubblica, affinché siano protagonisti anche nelle celebrazioni di questa grande scrittrice. Abbiamo inoltre interloquito con la Regione e con la Fondazione di Sardegna con l’obiettivo di unire le forze ed estendere la partecipazione. Nell’anno della pandemia tutto è però incerto, date le restrizioni anti covid, e in questo momento non possiamo predisporre un calendario. Sappiamo che coinvolgeremo i giovani, dai bambini fino all’Università, ma contiamo di coinvolgere tutto il territorio».

Le parole di Mattarella

Contattato e invitato a Nuoro dal sindaco Andrea Soddu, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha subito risposto con una lettera che il primo cittadino ha poi postato su Facebook. «Una delle principali narratrici italiane che, con ferrea volontà, ha saputo superare alcuni limiti apparentemente insuperabili del suo tempo, sino a giungere alla consacrazione del premio letterario più prestigioso al mondo» ha scritto Mattarella, riferendosi a Grazia Deledda. Poi il capo dello Stato si è detto pronto a partecipare alle celebrazioni di Nuoro, anche se l’emergenza sanitaria non permette ancora di programmare la visita in Sardegna. In ogni caso, Mattarella ha assicurato che l’invito del sindaco «viene tenuto in attenta considerazione».

Dario Budroni

[aps-counter]