Home / Dintorni/Attualità  / Le anteprime del festival del Cinema di Tavolara

Le anteprime del festival del Cinema di Tavolara

In attesa della 31esima edizione, in scena a luglio, sono stati organizzati seminari, mostre e proiezioni tra Olbia, Nuoro e Porto San Paolo

Cinema tavolara

L’estate è ai nastri di partenza. E dalle parti di Tavolara si respirano già le magiche atmosfere di quello che è considerato uno dei festival del cinema più belli di sempre. La 31esima edizione della celebre manifestazione andrà in scena dal 16 al 18 luglio, ma intanto gli organizzatori di Una notte in Italia, come da tradizione, hanno preparato diverse e interessanti anteprime. Si svolgeranno nel mese di giugno e saranno anche itineranti, visto che faranno tappa a Olbia, Nuoro e Porto San Paolo.

Primo appuntamento

Il percorso di avvicinamento al Cinema di Tavolara prenderà il via il 15 giugno, nell’incantevole cornice della piazzetta Gramsci di Porto San Paolo, con un omaggio cinematografico a Dante, per i 700 anni dalla morte del Sommo Poeta. Sarà proiettato L’Inferno: film muto del 1911 diretto da Francesco Bertolini, Giuseppe De Liguoro e Adolfo Padovan e musicato in diretta con la colonna sonora originale di Luigi Frassetto, insieme ad Alessio Manca, Francesca Fadda, Gioele Lumbau e Francesco Sergi. Ospite speciale della serata Neri Marcorè, che leggerà alcuni passi della prima cantica e si esibirà nella veste di musicista. Il testo del film e la scelta dei brani sono stati curati da Marco Navone e Vanessa Pirrello.

Secondo appuntamento

Il 18 giugno, invece, appuntamento a Nuoro, sede inedita per un evento del festival di Tavolara. Qui sarà inaugurata la mostra fotografica 8 ½ di Fellini, con le foto inedite di Paul Ronald: un percorso straordinario di immagini con il quale il grande fotografo francese introdurrà nella vita di uno dei set più incredibili nella storia del cinema mondiale.

L’esposizione sarà ospitata al primo piano della libreria Miele Amaro, in Corso Garibaldi al numero civico 60, in collaborazione con la casa editrice Ilisso.

Terzo appuntamento

Il giorno successivo, il 19 giugno, sarà inaugurato il primo workshop del festival dal titolo Corpo a corpo con la città. Esperienze visuali nella ricerca. Si tratta di un percorso tra cinema e periferie urbane, tenuto in collaborazione con la facoltà di Architettura dell’Università l’università di Cagliari da Maurizio Memoli: quest’ultimo è l’attore protagonista di uno dei due film che verranno proiettati (Murat), docente a Cagliari e occhio sensibile tra cinema e città che ha coordinato diversi lavori di ricerca su questa tematica. Insieme a lui ci sarà Emanuel Muroni, giovane ricercatore della stessa facoltà, già collaboratore per anni del Festival di Tavolara. Il seminario si articolerà in due giornate e sarà a numero chiuso, per massimo dieci alunni. Si svolgerà al Politecnico Argonauti di Olbia, nel rispetto delle prescrizioni sanitarie anti Covid 19.

Quarto appuntamento

Il 27 giugno invece si terrà il workshop Modellare la luce, dedicato alla fotografia di scena e al ruolo del direttore della fotografia. Saranno ospiti Angelo Turetta, famoso fotografo di scena e già vincitore del Word Press Photo, e Enzo Carpineta, affermato direttore della fotografia. Il seminario si svolgerà sempre nei locali del Politecnico Argonauti di Olbia.

I biglietti

Tutti gli eventi col pubblico, a parte la mostra a Nuoro, si svolgeranno con ingresso a pagamento di 2 euro, più il costo della prevendita. I biglietti saranno acquistabili on line sul sito del Cinema teatro Olbia.

Le date del festival

Il festival del cinema di Tavolara vero e proprio si terrà a luglio: il 16 a Porto San Paolo e il 17 e 18 sull’isola Tavolara. A breve sarà comunicato il programma ufficiale con i nomi dei film e degli ospiti. Anche in questo caso gli eventi si svolgeranno con ingresso a pagamento di 2 euro, più il costo della prevendita. Il pubblico, come lo scorso anno, sarà contingentato e distanziato nel rispetto della normativa anti Covid. L’intero incasso, come lo scorso anno, verrà invece devoluto in beneficenza.

Dario Budroni

[aps-counter]