Home / Moda & Accessori  / Orologi & Gioielli  / Il mare dentro: i gioielli-scultura di Marina Corazziari

Il mare dentro: i gioielli-scultura di Marina Corazziari

Dall’arte contemporanea all’Haute Couture in un tripudio di colori, forme e preziosità

Marina Corazziari

Come dopo una mareggiata conchiglie, sassolini, stelle marine e coralli ricoprono la battigia, ci sono gioielli che rubano i colori al mare, alla sabbia, alle alghe e alla flora marina.

Turchesi, coralli, topazi, quarzi citrini, acquemarine, granate, e poi avorio, oro e argento, non c’è limite alla fantasia né alla sperimentazione di Marina Corazziari, che oltre ad essere una designer di gioielli ha una variegata esperienza che spazia dall’arte all’architettura, dalla scenografia all’archeologia.

L’ambiente marino è di certo quello che la designer privilegia, e il suo nome è quasi un presagio, avendo trascorso vicino alle onde buona parte della sua vita. Ma la sua insaziabile curiosità l’ha spinta a interpretare anche altri temi naturali e a frequentare molteplici ambienti culturali. L’arte contemporanea è stato il suo punto di partenza, l’arte bizantina l’ha portata a creare gioielli importanti, ricchi di perle, coralli e oro sbalzato, e l’amore per il “fatto a mano” è la sua cifra stilistica.

Studiando forme e materiali, Marina combina colori e stili artistici per ottenere gioielli opulenti e ispirati al passato, così come preziosi dall’allure contemporanea e di tendenza.

La collaborazione con l’Haute Couture

Dopo 32 anni di intenso e appassionante lavoro nella gioielleria, oggi Marina è famosa a livello internazionale anche come scenografa, curatrice di mostre ed eventi, e docente di storia del gioiello. Lavora tra Roma, Bari, Firenze, Milano e Montecarlo, e ha realizzato oltre 200 mostre in tutto il mondo, fra le quali un’esibizione al Grand Palais di Parigi. E il suo talento non è sfuggito al mondo della Haute Couture: i suoi gioielli fanno spesso bella mostra nei defilé delle Maison più famose, come Krizia, Ferré, Romeo Gigli, Gattinoni, Valentino, Armani e Raffaella Curiel, per la quale ha lavorato in diverse edizioni di AltaRoma; inoltre ha curato eventi ai Musei Capitolini e a Palazzo Pitti, solo per citarne alcuni.

Spazio d’Or, il sogno nel cassetto

Per chiudere il cerchio, e coronare il suo sogno, l’anno scorso ha inaugurato a Bari  l’associazione Spazio d’Or, una galleria multimediale delle eccellenze del made in Italy, una realtà internazionale costituita da creativi dell’arte, della moda, dell’artigianato e del design, e sede di una factory per nuovi talenti che si occuperà di formazione specializzata in varie discipline, ma con un trait d’union comune, l’amore per la bellezza e per tutto ciò che si muove intorno al mondo della moda e dell’arte.

Sempre con il mare dentro.

Nathalie Anne Dodd

Credits foto Marina Corazziari

  • PH I Tranchese fotografi

[aps-counter]