Home / Dintorni/Attualità  / IFTS: il progetto diventa realtà e anche l’aviazione militare del Qatar è coinvolta

IFTS: il progetto diventa realtà e anche l’aviazione militare del Qatar è coinvolta

L'International Flight Training School è un’eccellenza mondiale nata nell’Isola dalla sinergia tra Aeronautica e Leonardo. Un connubio che proietta l’Isola nel mondo

IFTS

Un progetto visionario diventa realtà, la sinergia tra eccellenza civile e militare – nata da un patto tra Governo, con l’Aeronautica Militare, Leonardo, il colosso mondiale tricolore dell’alta tecnologia attiva nei settori dell’Aerospazio, Difesa e Sicurezza in partnership con Cae, azienda canadese leader a livello internazionale nella fornitura di addestramento e tecnologie di progettazione e simulazione ad aziende dell’aviazione civile e forze militari, e Regione Sardegna – dà vita a un connubio che proietta la Sardegna nel mondo grazie alla realizzazione dell’International Flight Training School (IFTS) ospitata nell’aeroporto militare di Decimomannu, località del Campidano a pochi chilometri da Cagliari: una scuola di volo con 22 velivoli M 346 Advanced Jet Trainers, 40 istruttori, 2 simulatori Full mission, fino a 8mila ore di volo l’anno.

Un campus per futuri top gun

Ma non solo. C’è il nuovo campus di oltre 35mila metri quadri coperti su un’area quattro volte più grande con quasi 500 persone l’anno che vi graviteranno, tra dipendenti civili, militari e studenti: questi ultimi sono i grandi protagonisti, i futuri top gun delle forze armate dei Paesi aderenti, il meglio delle giovani leve che in patria dimostrano un talento fuori dall’ordinario e straordinarie doti di strategia militare.

La International Flight Training School – IFTS

La scuola, nata nel 2018 e oggi portata a termine con la realizzazione di tutte le strutture per l’addestramento, punta a diventare il riferimento internazionale per il training dei piloti militari relativo alla fase 4 dell’addestramento, l’ultima, la più avanzata, quella che prepara i piloti a volare sui caccia di quarta e quinta generazione.

Un progetto internazionale

Un nuovo modello di formazione e addestramento, già scelto da dodici paesi stranieri, tra i quali Qatar, Giappone, Germania, Singapore, Austria, Canada e Arabia Saudita, un ambiente di simulazione integrato dove reale e virtuale si fondono in un unico scenario operativo, con la riproduzione di situazioni complesse fino a 10 aerei tra forze amiche e nemiche che interagiscono come se stessero tutti volando nello stesso cielo.

Le parole di Luca Goretti

“In questo momento stiamo addestrando una ventina di persone che sono solo la parte embrionale, a regime saranno 56 e dal prossimo anno si arriverà alla massima capienza con gli 80 futuri piloti – ha spiegato Luca Goretti, capo di Stato maggiore dell’Aeronautica militare -con una riserva di venti posti per i nostri giovani allievi. Inoltre questo campus ha un valore aggiunto da un punto di vista umano: qui lavoreranno insieme tanti giovani di diversi Paesi, ci sarà uno scambio continuo di competenze e di esperienze, una realtà come questa in Europa non esiste”.

La dichiarazione di Roberto Cingolani

“Mi è stato richiesto di fare qualche passo avanti verso il futuro, non solo per la difesa e per la sicurezza nazionale, ma anche per la sicurezza informatica e delle infrastrutture ed energetica – ha commentato Roberto Cingolani, voluto da Draghi al Ministero della Transizione Ecologica, da 15 giorni nuovo Amministratore Delegato di Leonardo ed esperto di fama mondiale, fisico, professore universitario oltre che saggista e scrittore tra i più seguiti e molto appezzato in particolare dai giovani – Leonardo sta portando avanti sviluppi tecnologici enormi e sta andando velocissimo sulla digitalizzazione e l’intelligenza artificiale: gli sviluppi di natura tecnologica, quindi nuove piattaforme, nuovi simulatori, la creazione di gruppi di piloti internazionali che utilizzano la stessa base di training credo siano molto importanti per la sicurezza di un continente”.

La soddisfazione di Andreina Farris

L’Assessora Andreina Farris, delegata dal Presidente della Regione Chistian Solinas,  nel suo intervento, ha voluto evidenziare quanto sia “importante la giornata inaugurale di IFTS, festeggiamo il raggiungimento di una tappa di un progetto altamente prestigioso non solo per la Sardegna che lo ospita ma dell’Italia intera. Oggi – ha proseguito l’esponente della giunta  regionale – possiamo finalmente dire, con orgoglio, che la Sardegna, con Decimomannu, ospita il più moderno ed evoluto sistema di addestramento integrato tra quelli presenti negli altri paesi occidentali, realizzato grazie alla positiva sinergia tra il mondo della Difesa, quello dell’industria e la nostra Regione. L’International Flight Training School consente di raddoppiare l’attuale offerta formativa dell’Aeronautica Militare: un risultato di cui chi, come noi, crede nei valori imprescindibili della pace e della sicurezza – ha chiuso l’assessora Farris – non può che annoverare tra i più importanti progetti in termini di addestramento e progresso tecnologico”.

La conclusione di Matteo Perego di Cremnago

A concludere la giornata, il Sottosegretario alla Difesa Matteo Perego di Cremnago che nel suo discorso ha evidenziato che “questo progetto rappresenta un punto di incontro tra due eccellenze italiane, quella della nostra Aeronautica Militare, nell’anno del suo primo centenario, e quella delle Aziende per la Difesa come Leonardo, anch’essa protagonista di questa realizzazione. Leggere e vedere qui davanti a me i rappresentanti dei Paesi che hanno già aderito alla collaborazione con questa scuola, come Austria, Canada, Germania, Giappone, Qatar e Singapore, e quelli che aderiranno prossimamente come Regno Unito, Svezia, Spagna, Ungheria, Kuwait, Arabia Saudita, Olanda – ha detto il delegato del Ministro  Guido Crosetto – costituisce un segno tangibile della validità del progetto, esaltandone il virtuoso esempio di valorizzazione delle eccellenze del nostro Sistema Paese e massimizzando le ricadute economiche, tecnologiche e di sviluppo dell’intera area sulla quale si sta realizzando l’impresa”.

Gigi Maestri

[aps-counter]