Home / Dintorni/Attualità  / G20 Spiagge, la quinta edizione a Riccione

G20 Spiagge, la quinta edizione a Riccione

Il comune di Arzachena tra le 26 città balneari che prenderanno parte al summit per un confronto sulle prossime sfide del turismo

G20 Spiagge

Dopo il 1° Focus dei Sindaci avvenuto nei giorni scorsi, il cronoprogramma del G20 Spiagge continua. Il prossimo appuntamento è fissato per il 5 e 6 aprile a Riccione, la città che quest’anno ospita il quinto summit del G20 Spiagge. Durante questa edizione parteciperanno tutte e 26 città balneari italiane: Alghero, Arzachena, Bellaria Igea Marina, Bibbona, Caorle, Castiglione della Pescaia, Cattolica, Cavallino Treporti, Cervia, Chioggia, Comacchio, Forio, Grado, Grosseto, Ischia, Jesolo, Lignano Sabbiadoro, Orbetello, Riccione, Rosolina, San Michele al Tagliamento – Bibione, San Vincenzo, Sorrento, Taormina, Viareggio, Vieste. Ma da quest’anno, come afferma Cristina Usai, vicesindaco e assessore al Turismo di Arzachena che presenzierà allevento, le porte saranno aperte a tutti i 334 comuni affacciati sulla costa italiana, offrendo un momento di confronto con esperti e rappresentati delle istituzioni.

«Invito i colleghi delle località sarde a partecipare allevento per dare forza alle tematiche peculiari che la regione Sardegna vive nella gestione dei flussi turistici, temi che Arzachena sostiene da anni a livello nazionale con la partecipazione in prima linea nel G20 delle spiagge» continua l’assessore, che aggiunge che a Riccione sarà presente «il presidente di Federalberghi Sardegna e vicepresidente nazionale, Paolo Manca, che ringrazio per aver accettato il nostro invito a sostenere le proposte del network».

G20Spiagge

I dettagli

L’obiettivo di questo incontro sta nel trovare dei punti in comune nello sviluppo di un piano strategico da attuare nell’immediato futuro. La sostenibilità non è più un tema che si può rimandare, ed è per questo che è necessario continuare il dialogo utilizzando tutti i mezzi a disposizione per aumentare il valore di queste città sotto l’aspetto turistico.

Saranno infatti due giornate intense quelle previste per il mese d’aprile, il mese che precede l’apertura ufficiale della stagione estiva. E sebbene non manchi molto a quella data, è altrettanto importante discutere di  un futuro attento all’ambiente, come più volte sollecitato dallarchitetto Stefano Boeri presente proprio in occasione del primo incontro Infrastrutture, trasporti, sviluppo urbanistico e nuovi modelli di business: come creare un futuro più sostenibile?”, insieme al Sottosegretario di Stato per la Transizione Ecologica, Vannia Gava. Un confronto che proseguirà con le principali associazioni turistiche come Fderalberghi, Assoturismo, Confindustria, Fiba Confesercenti, FAITA Federcamping e Confcommercio.

L’ultima giornata sarà invece scandita dal convegno Transizione ecologica, innovazione, sicurezza ed economia: definiamo insieme il futuro del turismo balneare. Una tavola rotonda con le principali città costiere del paese”, al cento del quale saranno presenti il Ministro del Turismo Massimo Garavaglia e il Presidente ENIT (Agenzia Nazionale del Turismo) Giorgio Palmucci. A chiudere questo appuntamento G20s – Il network dei comuni balneari e proposte concrete”, una tavola rotonda con le principali località balneari che cercherà di tirare le somme rispetto ai temi affrontati durante il summit.

Riccardo Lo Re

[aps-counter]