Home / Stili di Vita  / Arte-Cultura  / Delogu, il manager dell’informazione

Delogu, il manager dell’informazione

Sardo, è da anni uno dei massimi dirigenti del Gruppo Mediaset: «Così nasce il nostro palinsesto»

Learn Italy International Award

Andrea Delogu, sardo, è uno dei personaggi di punta del mondo dell’informazione del Gruppo Mediaset.

Come inizia la sua carriera a Mediaset?

«Inizia a 32 anni dopo che la passione per l’editoria si era già manifestata in Sardegna quando, durante gli studi universitari, ho iniziato a collaborare come pubblicista per La Nuova Sardegna. Dopo la laurea e il Master all’Istao di Ancona, la scuola di formazione manageriale intitolata a Adriano Olivetti, sono entrato in Olivetti e successivamente in Mondadori prima e in Sandoz poi, fino all’ingresso nel 1992 come Capo del Personale dei centri di produzione tv Fininvest, Mediaset dal 1996. Nel 2001 il Direttore Centrale delle risorse umane, Niccolò Querci – manager con la Sardegna nel cuore – mi ha proposto alla direzione generale dell’informazione, il cui Direttore è Mauro Crippa».

Un incarico prestigioso e di responsabilità: Vice Direttore Generale dell’informazione del Gruppo Mediaset. Qual è il segreto del successo del palinsesto del Biscione che annovera, oltre ai tg seguiti da milioni di telespettatori, programmi amatissimi dal pubblico come Dritto e Rovescio, Fuori dal Coro, Stasera Italia, Quarta Repubblica, Quarto Grado, Mattino 5 e Pomeriggio 5?

«Misceliamo diversi generi dell’informazione. In primis curiamo le notizie. I telegiornali sono il nostro mantra. Tutto ciò che viene elaborato dai telegiornali, a seconda del taglio di ciascuna rete, diventa poi materia da trattare nei programmi che si occupano delle storie, contenitori nei quali è possibile operare scelte discrezionali privilegiando un argomento o un caso di cronaca rispetto a un’altra notizia, che non avrebbe lo stesso interesse da parte del pubblico».

Lasciare la Sardegna è stata una scelta obbligata o un suo desiderio?

«Fu un consiglio datomi da Sebastiano Fadda, il docente con cui mi laureai con tesi in economia politica. Dopo la laurea ebbi la fortuna di collaborare con lui al Ministero del Mezzogiorno e alla Fondazione Giulio Pastore e viste le mie attitudini mi suggerì di perfezionarmi ad Ancona. Terminato il master fioccarono le proposte e, come detto, fui chiamato a Ivrea».

Tantissime star di Mediaset trascorrono le vacanze in Costa Smeralda. Lei ogni quanto riesce a rivedere la sua amata Sardegna?

«Torno regolarmente in Sardegna e anche le vacanze estive le trascorro per buona parte sull’isola. Si immagini che da quando ho 18 anni il primo giornale che leggo tutti i giorni è La Nuova Sardegna».

Gigi Maestri

[aps-counter]