Home / Stili di Vita  / Benessere & Sostenibilità  / Castelsardo sempre più plastic free: gli studenti bevono dalla borraccia

Castelsardo sempre più plastic free: gli studenti bevono dalla borraccia

Un dispenser di acqua potabile refrigerata e microfiltrata a disposizione dei ragazzi e del personale scolastico

Castelsardo plastic free

Stop a plastica nel rispetto dell’ambiente. È un tema che è ormai al centro del dibattito pubblico visti i segnali di un cambiamento climatico che ha oramai una dimensione globale. L’Unione Europea ribadisce la volontà di un impegno ambizioso con azioni concrete ed efficaci, e lo stesso sta capitando nelle piccole realtà locali dove ogni piccolo gesto è fondamentale. Plastic Free Onlus è l’associazione di volontariato che più di ogni altra sta spingendo verso una rivoluzione verde. Lo fa da tre anni con l’iniziativa denominata “Comune Plastic Free”, a cui hanno aderito diversi comuni sardi, tra cui Olbia. Ma tra i nomi emersi in questa lista c’è anche Castelsardo. Un borgo che promuove attività virtuose come quella che ha coinvolto una scuola secondaria.

Proprio nei giorni scorsi è stato posizionato e inaugurato un distributore/dispencer per acqua potabile, refrigerata e microfiltrata a disposizione di studenti e personale scolastico. Un dispositivo che è stato donato alla scuola dalla Bulli Surf Club Castelsardo, referente della locale Associazione Plastic Free Odv Onlus. Econova Srl, che fornisce dei servizi di raccolta dei rifiuti, grazie alla collaborazione con l’amministrazione comunale ha donato circa 600 borracce in alluminio, di vari colori e formati, a tutti gli studenti delle scuole, sia a quelle dell’infanzia (pubblica e paritaria), di primo e secondo grado.

Olbia Plastic Free

Con l’installazione deò distributore per acqua potabile alimentato dalla rete idrica cittadina, gli studenti avranno l’occasione di bere acqua potabile senza dover per forza acquistare bottigliette di plastica. Un gesto che porta risparmio, ma che allo stesso tempo tutela l’ambiente.

Secondo infatti quanto emerge da alcuni dati l’alunno compra infatti almeno una o più bottiglie di plastica per ogni giorno di scuola. Plastica che, anche se viene riciclata comporta un inutile spreco di energia e risorse.

«Sosteniamo questo progetto e siamo molto orgogliosi della collaborazione avviata, ormai da qualche anno, con l’Associazione Plastic Free e la Bulli Surf Club – dichiara il Sindaco Antonio Maria Capula – Questo è solo il primo dispenser installato, il prossimo obiettivo è quello di poter dotare tutte le nostre scuole di un distributore d’acqua, per poter eliminare completamente l’uso della plastica all’interno dei plessi cittadini. L’installazione del distributore d’acqua è un esempio concreto di come la collaborazione tra istituzioni ed associazioni possa portare a risultati concreti per la tutela dell’ambiente».

A Castelsardo l’associazione Plastic Free è attiva nella promozione della  raccolta rifiuti insieme ai volontari del territorio. Ma servono anche eventi e iniziative come queste per sensibilizzazione sul problema della plastica.

«Abbiamo voluto collaborare a questo progetto per collaborare all’educazione ambientale nelle Scuole – conclude Jasmin Cillocco capo-area di Econova – per insegnare ai più giovani che insieme potremo diventare tutti più virtuosi, producendo meno rifiuti sicuramente riusciremo a salvaguardare l’ambiente e avere dei risparmi».

Riccardo Lo Re

[aps-counter]