Home / Destinazione  / Dintorni  / Ad Arzachena una panchina rossa contro la violenza sulle donne

Ad Arzachena una panchina rossa contro la violenza sulle donne

Tutte le iniziative fino al 27 novembre iniziative al parco XVIII Novembre. Gli edifici comunali saranno per l’occasione illuminati di rosso

Pasquetta

Tutta Italia è rimasta col fiato sospeso dopo la notizia della scomparsa di Giulia Cecchettin, la ragazza di 22 anni di Vigonovo, in provincia di Venezia. Il tragico epilogo avvenuto tra Piancavallo e Barcis, in provincia di Pordenone, ha sconvolto l’intero Paese che, come nel caso di Arzachena, si è subito mobilitata in occasione della Giornata mondiale per l’eliminazione della violenza sulle donne indetta dall’Onu per il 25 novembre. Il Comune ha scelto di promuovere delle iniziative per sensibilizzare i cittadini sul tema in collaborazione con il Cug – Comitato unico di garanzia, il settore Servizi sociali, lo sportello di ascolto Le Ninfee.

Tra i progetti in programma c’è quello di #panchinerosse, previsto per sabato 25 novembre, alle 11, al parco XVIII Novembre. L’assessore ai Servizi sociali, Alessandro Careddu, promotore dell’iniziativa, insieme a una delegazione di consiglieri comunali, ai responsabili dell’associazione Stati Generali delle Donne, all’associazione culturale Artechepassione, ai rappresentanti delle Forze dell’ordine e a tutti i cittadini che vorranno partecipare, dipingerà di rosso una panchina come simbolo di una comunità che si schiera contro la violenza sulle donne e contro tutte le violenze di genere.

«Dipingeremo una delle panchine centrali su cui sarà apposta la targa di #panchinerosse, così che tutti i visitatori del parco possano ricordare l’importanza di tenere alta l’attenzione sul tema. Anche gli edifici comunali saranno illuminati di rosso per 3 giorni – spiega l’assessore ai Servizi sociali e Protezione civile, Alessandro Careddu -. La cronaca racconta ancora troppo spesso di violenze e femminicidi, spesso perpetrati a danno di giovanissime vittime. Come Amministratori, è nostro dovere agire con attività di sensibilizzazione ed educazione nei luoghi pubblici e nelle scuole, ma anche stimolare le famiglie a fare altrettanto tra le mura domestiche. Solo così possiamo contribuire a modificare e contrastare quei meccanismi comportamentali che scatenano episodi drammatici e barbari lesivi della dignità e della libertà delle donne». Per l’occasione sarà presente anche la parrocchia Santa Maria della neve con la sua guida Don Mauro Moretti.

Appuntamento al cinema e a teatro

Inoltre fino 26 novembre il Comitato unico di garanzia interno grazie alla collaborazione con la società Deamater ha scelto di approfittare  del film di Paola Cortellesi “C’è ancora domani” promuovendo la visione alle giovani generazioni con l’offerta agli under 25 i pop corn gratis. L’appuntamento è alle 18 all’Ama Auditorium multidisciplinare. È possibile acquistare i biglietti on line  o in biglietteria dalle 15:30.

Allo stesso tempo, il 27 novembre, sempre con il sostegno del Cug, i ragazzi del liceo scientifico “Falcone e Borsellino” si esibiranno all’AMA dove si terrà la rappresentazione teatrale “Ecclesiazuse – Donne al Parlamento”, laboratorio teatrale condotto dal liceo Gramsci di Olbia nell’ambito del progetto PON 2023 “In Maschera”.

Info utili

Il Comune ci tiene inoltre a ricordare, infine, ch è attivo lo sportello di ascolto “Le Ninfee” nella sede dei Servizi sociali in via Crispi n. 5. Un centr in cui vengono offerti servizi gratuiti di supporto psicologico a tutte le donne che vivono situazioni di disagio, maltrattamenti e violenze. Per informazioni e appuntamenti chiamare il numero 3457517347.

Riccardo Lo Re

[aps-counter]

POST TAGS: