Home / Stili di Vita  / Arte-Cultura  / “Storie di musica” racconta la vocazione di un piccolo paese gallurese

“Storie di musica” racconta la vocazione di un piccolo paese gallurese

Ci sono posti dove alchimie e particolari congiunture trovano il terreno fertile per far nascere nuovi musicisti, gruppi musicali e bande. Uno di quei posti si trova in Sardegna

Storie di musica

La musica a Berchidda è di casa. E non solo per il festival internazionale ormai conosciuto in tutto il mondo, il Time in Jazz di Paolo Fresu, ma anche per i tanti musicisti che qui si sono formati e che si divertono a suonare nelle bande, nei gruppi riscuotendo anche un ottimo riscontro del pubblico. Ed è per questo motivo che il regista Paolo Marras ha deciso di documentare questo “fermento” musicale e restituirlo al pubblico sotto forma di documentario filmico dal titolo “Storie di musica”. L’anteprima è stata programmata, nemmeno a dirlo a Berchidda, con un doppio appuntamento in programma martedì 3 alle 21 e mercoledì 4 maggio alle 18 e alle 21.

Il documentario descrive nello specifico il progetto ideato da Fresu dal titolo “Sa Banda, Sa musica, Sa festa” che aveva l’intenzione di far dialogare tutte le realtà musicali del Paese. In particolare la Banda “Bernardo Demuro”, palestra musicale per tanti talenti compreso lo stesso Fresu che cominciò ad undici anni, la Funky Jazz Orchestra, fondata da un altro trombettista Antonio Meloni anch’egli legato alla Banda Bernardo Demuro. La Funky Jazz Orchestra è stata la prima funky street band della Sardegna. Senza dimenticare Giovanni “Nanni” Gaias, batterista, polistrumentista, compositore e arrangiatore, classe 1996, una delle rivelazioni recenti della scena musicale isolana, insieme al chitarrista Giuseppe “Peppe” Spanu.

«Il progetto – spiega Paolo Fresu – è nato con l’intento di fare crescere e dialogare sempre di più tutte le esperienze, amatoriali, semi-professionali e professionali, che producono musica a Berchidda. Con l’intento di rivitalizzare e arricchire l’attività musicale, artistica e creativa di una comunità di sole tremila anime che dimostra una vocazione alla crescita, allo sviluppo e alla ricerca dando una concreta risposta alle domande sul ruolo contemporaneo dei borghi e dei piccoli centri rurali». Dodici giornate di prove nell’arco di sei week end, da settembre a dicembre hanno impegnato i musicisti delle tre realtà per arrivare al gran finale del concerto del 28 dicembre al Teatro Verdi di Sassari.

Il regista Paolo Marras ha documentato con interviste, aneddoti e racconti questa meravigliosa esperienza. «”Storie di Musica” diventa il racconto di un’intera comunità che da oltre un secolo vanta un legame indissolubile con la musica – spiega Marras- . Una comunità che da tantissimi anni coltiva la passione e come una tradizione si tramanda di generazione in generazione. L’ingresso agli spettacoli è gratuito, ma sarà necessario prenotare via mail all’indirizzo segreteriaproduzione.timeinjazz@gmail.com o per telefono al numero 3315211759. Saranno presenti alle proiezioni Paolo Fresu e il regista Paolo Marras.

[aps-counter]