Home / Moda & Accessori  / Moda Femminile  / Per Prada una passerella di mare, roccia e sabbia

Per Prada una passerella di mare, roccia e sabbia

La celebre casa di moda ha ambientato il suo nuovo spot in Sardegna: «Immergersi nella natura è libertà»

prada

Dalle passerelle della fashion week milanese il richiamo della natura sarda, per Prada, non poteva essere più potente. Il mare dell’Isola è stato il grande protagonista della sfilata uomo Primavera – Estate 2022, presentata a giugno in una versione inedita: a causa della pandemia, molti brand si sono adeguati optando per nuovi format, con défilé all’aperto e senza pubblico, e Prada non ha fatto eccezione, sbarcando per l’occasione nel Golfo di Orosei e a Cala Zafferano, dov’è ambientato il video di presentazione della collezione co-diretta da Miuccia Prada e Raf Simons.

I modelli camminano lungo un tunnel-passerella seguendo la luce e ritrovandosi, alla fine, davanti al mare della Sardegna: una visione che, dopo le restrizioni imposte dal Covid-19, simboleggia la libertà ritrovata sotto forma di ricongiungimento con la finissima sabbia, l’acqua trasparente, il sole e il silenzio dei paesaggi isolati tipici della Sardegna. «Immergersi nella natura, andare in spiaggia, è sinonimo di libertà», ha spiegato Miuccia Prada. «È un bisogno primario, ma anche intellettuale: ciò che la collezione e la sfilata vogliono catturare è la gioia del quotidiano, l’idea che vivere la propria vita può essere un’esperienza esaltante. Da una cosa semplice può scaturire una gioia immensa: quando i tempi si fanno complicati cerchiamo piaceri essenziali e diretti».

Il video, oltre che in Sardegna, è stato girato presso la Fondazione Prada a Milano e vuole lanciare un messaggio importante per la protezione del mare: in segno di ringraziamento e di stima nei confronti della popolazione sarda, Prada ha scelto di collaborare e sostenere la Fondazione Medsea nel progetto di ripristino degli ecosistemi marini con la riforestazione delle praterie di posidonia oceanica nell’aerea marina protetta di Capo Carbonara.

Ilenia Giagnoni

[aps-counter]