Home / Gourmet  / Cocktail  / Margarita Frozen, un tocco di classe dissetante

Margarita Frozen, un tocco di classe dissetante

La ricetta di uno dei classici cocktail serviti in tutti i bar e ristoranti del mondo. Un must per chi vuole rinfrescarsi durante l’estate

Margarita Frozen

Appena pensi al Margarita Frozen ti viene subito in mente un prodotto di grane eleganza. L’immagine ti porta subito al servizio. Il barman, davanti a te, con delicatezza e precisione comincia a versarti questo candido cocktail su una coppa sombrero. Al solo pensiero ti viene subito voglia di provarlo. E le ragioni ci sono tutte. L’estate, il caldo afoso delle giornate. Serve dunque qualcosa di fresco e dissetante, che non rinunci alla classe dei cocktail di tendenza. Dietro al classico Margarita a base di tequila si è creato un universo di storie. William Grimes, autore di Straight Up or On the Rocks: The Story of the American Cocktail, afferma che questo drink era presente già negli anni Trenta. E non sarebbe poi così errato, visto che già il primo mito racconta che Daniel Negrete nel 1936 aveva offerto la sua versione alla sposa del fratello, di nome, guarda caso, Margarita.

Alcuni ritengono che sia stato frutto di un errore, come spesso capita a dei prodotti destinati a lasciare il segno. Pancho Morales, barman del Tommys Place di Juàrez, non conosceva la Magnolia. Ma davanti a una bellissima donna non si può tentennare o chiedere la ricetta ufficiale. Allora cominciò a sperimentare la sua idea di questo drink, cambiandone il nome nel cocktail che tutti noi conosciamo.

Le donne, si sa, possono cambiare il mondo. Carlos Danny Herrera voleva infatti stupire l’attrice Marjorie King. L’idea era di un prodotto che soddisfasse le sue esigenze, essendo lei allergica a qualunque alcolico. Con un’unica eccezione. La tequila. Insomma, la lista continuerebbe ancora. Ma sul Margarita Frozen siamo certi del suo inventore: Mariano Martinez. Il suo ristorante, Mariano’s Mexican Cuisine, all’epoca serviva la ricetta del padre, ma molti clienti cominciarono a lamentarsi sulla bontà del prodotto. Troppe domande, si giustificava all’inizio il proprietario. E questo determinava un abbassamento della qualità, fino ad annacquarsi. Da lì nacque l’idea di sfruttare i macchinari per il gelato dell’epoca: «Un giorno ero in un negozio 7-Eleven – affermò alla NBC – e ho visto dei bambini comprare un Slurpee. Da lì mi sono chiesto se potessi congelare un margarita in una macchina di tipo». Ed è quello che accadde. Ecco, non lo stesso marchingegno, ma con qualcosa di molto simile alle macchine per il gelato.  Oggi fortunatamente è sufficiente del giacchio e un frullatore. Dunque, qui sotto troverai la ricetta perfetta per un buon Margarita Frozen

INGREDIENTI

  • 4/7 di Tequila

————————————————————————————

  • 2/7 di Cointreau

————————————————————————————

  • 1/7 di succo di lime

————————————————————————————

  • 1 fettina di lime

————————————————————————————

  • ghiaccio

————————————————————————————

  • sale

————————————————————————————

Durata: 10 min                  Livello: Facile                    Dosi: 1 persone

PREPARAZIONE

Inserisci all’interno del frullatore cubetti di ghiaccio, il succo di lime e un goccio di tequila e di Cointreau. Dopodiché azionate la macchina per almeno 10 secondi, in modo da creare un prodotto il più possibile compatto. Dopodiché prendi la coppa sombrero e comincia a versare il cocktail, mettendoci nei bordi del sale e succo di lime. Mettici una fetta di lime, ed è pronto per essere servito.

[aps-counter]