Home / Notizie  / Handbook/News  / Le famiglie numerose delle star

Le famiglie numerose delle star

Sex symbol sì, ma anche genitori di molti, molti figli. In controtendenza all’andamento generale, almeno in Occidente, molti protagonisti dello star system scelgono di costruire famiglie numerose. A volte si tratta di famiglie allargate in

Sex symbol sì, ma anche genitori di molti, molti figli. In controtendenza all’andamento generale, almeno in Occidente, molti protagonisti dello star system scelgono di costruire famiglie numerose. A volte si tratta di famiglie allargate in cui cambiano padri o madri, altre volte si tratta di adozioni. Tutti conoscono la mega famiglia fondata da Brad Pitt, Angelina Jolie e la loro nidiata di sei figli: impossibile non essere incappati nelle complicate e controverse vicende del clan dei Kardashian, ovvero Kris Jenner e i sei figli avuti da Robert Kardashian, potente avvocato, noto per aver difeso OJ Simpson, e due da William Bruce Jenner, ex campione olimpico, oggi Caitlyn, trasgender e personaggio televisivo molto noto.

Forse però non tutti sanno che Mick Jagger di figli ne ha avuti otto da quattro donne diverse: la più grande è Karis, 47 anni, e il più giovane, Deveraux, è nato quattro anni fa dalla love story con la ballerina Melanie Hamrick. Sting ne ha sei, come Madonna e Robert De Niro, che tra un set e l’altro ha messo su famiglia con quattro diverse compagne. Nulla di fronte ai 15 di Marlon Brando, agli 11 di Charlie Chaplin e ai 10 di Eddie Murphy. A questa lunga lista si aggiungono Kevin Costner, Mel Gibson, Clint Eastwood, Bob Dylan, Steven Spielberg, Stevie Wonder, Jude Law, Bruce Willis, solo per citarne alcuni. Fanalini di coda con “solo” quattro figli David e Victoria Beckham, Gordon Ramsay, Will Smith.

Queste famiglie sembrano passare indenni attraverso la depressione post partum, le notti insonni, gli infiniti cambi di pannolini e ricariche di biberon. Nonostante la dura corvée di genitori, ecco le mamme in perfetta forma pochi giorni dopo il parto, i papà trendy con due rampolli in braccio, due per mano, zaino in spalla e gran sorriso per i fotografi. Certamente conta la possibilità di potersi permettere tate e baby sitter per tenere fronte al caos quotidiano, servitù per riordinare, segretarie, personal trainer, ma c’è di più. In molti casi non si tratta solo di disordini amorosi, di ricominciare ogni volta, con un nuovo compagno o compagna a crearsi un nucleo. A volte i figli danno un senso di stabilità e sicurezza che il caotico e frenetico mondo dello spettacolo non concede. Tutti hanno bisogno di qualcuno da cui tornare, un punto di riferimento da amare, in cui riconoscersi. E le celebrità non fanno eccezione, e spesso adottano un bambino pur avendone avuti biologicamente, come a voler condividere un po’ di fortuna con altri che ne hanno avuta molto poca. Provvedere a tirar su tanti figli sembrerebbe mancanza di egotismo o forse, visto che parliamo di personaggi il cui ego è sempre soddisfatto da pubblico e media, potrebbe essere una conferma, o magari solo voglia di felicità e fortuna. O magari è solo necessità di perpetuarsi in altri “io”, ma a questi dubbi potrebbero rispondere solo i diretti interessati.

Alcuni di questi ragazzi cresceranno felici ed equilibrati, su altri spesso sembra pesare una maledizione, quasi a voler regolare i conti, a livellare certe prosperità contrastandole con ombre e sfortune, ma questa è tutta un’altra storia che andrà analizzata e raccontata un’altra volta: “Tutte le famiglie felici si somigliano; ogni famiglia infelice lo è a modo suo” scriveva Tolstoj in Anna Karenina. E di questi tempi è bello guardare i volti radiosi e sorridenti fermati da una foto e sognare di vite favolose e felici, come in una favola, anche se le favole si somigliano tutte.

Stella Fabiani