Home / Stili di Vita  / Benessere & Sostenibilità  / In barca coi piú piccoli

In barca coi piú piccoli

Ecco alcuni consigli per una perfetta vacanza in mare coi bambini

barca bambini

Viaggiare in barca è un’esperienza unica. Visitare spiagge e paesaggi nuovi o semplicemente allontanarsi dalla vita frenetica della città solcando il mare con un’imbarcazione rappresenta per molti un modo per rimettersi in contatto con la natura e con sé stessi.

Partire per mare insieme ai propri bambini, poi, può rappresentare una svolta inaspettata. La loro visione avventurosa del viaggio per mare, la voglia di conoscere la barca e di esplorare nuovi luoghi spesso può regalare anche agli adulti una prospettiva diversa e nuova, ecco perché molti genitori consigliano quest’esperienza almeno una volta nella vita.

Prima di salpare però assicurati di aver preso tutte le precauzioni necessarie per divertirsi in sicurezza: ecco alcuni consigli che potrebbero esserti utili per una vacanza all’insegna del relax e del divertimento.

Vivi la barca in sicurezza

Specialmente quando parti con bimbi molto piccoli, la prima preoccupazione potrebbe essere la loro sicurezza sulla barca.

Del resto si sa, i bambini amano esplorare ogni angolo del luogo in cui si trovano. Una barca poi, con tutte quelle funi e il mare a riempire lo sguardo tutto intorno non è da meno.

Gioca quindi d’anticipo: se ti preoccupa che il bimbo possa cadere in acqua perché l’imbarcazione su cui salirai non ha bordi alti e la barca è tua o di un amico, potresti considerare di usare una rete di sicurezza da sistemare tutt’intorno al bordo. Può sembrare una soluzione non perfetta ma in realtà queste reti vengono vendute appositamente per eventualità simili e sono pensate anche per i nostri amici a quattro zampe.

Per sicurezza poi si intende anche l’interno dell’imbarcazione. Può capitare infatti che i letti della barca non siano riparati su entrambi i lati come di solito accade e specialmente con le cuccette a castello questo può rivelarsi un problema. In questo caso ti basterà procurarti un telo antirollio che impedisca al bimbo di rotolare di lato mentre dorme, rischiando di cadere dal letto.

Prendi accorgimenti contro il sole

Troppo spesso non si prende in considerazione la pericolosità del sole per la pelle e specialmente per quella dei bambini, più delicata e suscettibile alle scottature. A questo proposito ricorda sempre di portarti una crema solare adatta e pensata specificamente per loro e, per i momenti fuori dalla cabina, magari un bel paio di occhiali da sole per permettergli di vedere il panorama al meglio.

Un’altra buona soluzione è senz’altro quella di mettere un tendalino sulla tua barca. Specialmente nelle ore di punta ci si dovrebbe sempre proteggere dal sole, ma restare all’interno della cabina durante le belle giornate può essere un’esperienza poco piacevole -se non addirittura frustrante- per i più piccoli sempre pieni di energia. Esistono diversi tipi di tendalini, da quelli fissi e resistenti anche al vento, usati anche mentre la barca è in movimento, a quelli rimovibili.

barca bambini

Non dimenticare i giochi

È vero, una gita in barca è estremamente affascinante e i tuoi bimbi trascorreranno ore a girare per il ponte e la cabina per carpirne tutti i segreti, dai luoghi migliori in cui nascondersi a quelli con la vista più bella! Tra una tappa e l’altra e durante le visite alle spiagge però dovrai anche tenerli impegnati con giochi e passatempi che li distraggano in modo costruttivo e rendano le attese dei momenti gradevoli.

Pensa alle attività che farete insieme e preparati al meglio: li porterai a fare dello snorkeling per vedere le meraviglie dei fondali? Allora armati di maschera e boccaglio pinne, braccioli e perché no, anche una muta se prevedi di trascorrere molto tempo in acqua. E se non si sentono troppo sicuri per restare in acqua sotto ai fondali più scuri ma la curiosità è tanta, potresti sempre procurarti un canottino con il fondo trasparente da cui ammirare i pesci e la flora marina.

Se invece prevedi di trascorrere più tempo sul litorale, i grandi classici sono d’obbligo: secchielli, palette, palloni e gonfiabili (attenzione al vento!) e qualche gioco di società molto semplice per trascorrere le ore più calde tutti insieme sotto l’ombrellone. Anche una lettura adatta alla loro età potrebbe essere l’ideale, sia da un libro che da tablet.

Qualunque attrezzatura tu scelga in base alle vostre attività, potrebbe essere utile avere a portata di mano quel canotto di cui abbiamo parlato sopra per gli spostamenti barca-spiaggia e viceversa. In questo modo potrai mettere là dentro i carichi più ingombranti e portare saldamente in braccio il tuo bimbo, o se l’acqua è troppo alta potrai metterlo in tutta sicurezza e armato di giubbotto di salvataggio sulla piccola imbarcazione, così da non avere problemi.

Ricordati di portare degli snack

Sembra quasi una regola: tra un pasto e l’altro ai più piccoli viene sempre fame. Sarà perché stanno crescendo e perché il mare fa bruciare un sacco di energie tra le nuotate e i giochi sulla sabbia, sta di fatto che ad un certo punto della giornata ti verrà chiesto un immancabile spuntino.

Non c’è bisogno di portare qualcosa di complicato, una frutta o un sostituto del pane saranno perfetti per aspettare il pranzo o la cena in tutta tranquillità!

Benedetta Piras

barca bambini

Crediti foto:

  1. Foto di Tatiana Syrikova da Pexels

[aps-counter]