Home / Stili di Vita  / Arte-Cultura  / Grande apprezzamento per la letteratura sarda al Salone del Libro di Torino

Grande apprezzamento per la letteratura sarda al Salone del Libro di Torino

L’edizione 2022 della kermesse ha registrato un record storico di ingressi

L’editoria sarda taglia un altro prestigioso traguardo: l’incremento del 60 percento delle vendite di libri al Salone del libro di Torino rispetto al 2021. Un successo per gli editori sardi che si sono ritrovati tutti insieme nell’unico spazio collettivo di vendita del Lingotto dedicato al libro sardo. «La Regione Sardegna torna protagonista all’interno dello spazio editoriale più importante d’Italia, – ha affermato il presidente della Regione Christian Solinas – l’edizione 2022 ha rappresentato un appuntamento fondamentale per la promozione dell’editoria isolana. L’editoria sarda si conferma quale motore trainante, anche fuori dalla Sardegna, di studi e scoperte, modulandole nei più diversi registri comunicativi, destinati quindi non solo agli studiosi ma anche a tutta la popolazione di lettori e appassionati, non ultimi i lettori più giovani. Favoriamo una percezione della cultura della Sardegna, attraverso figure che non solo sono state protagoniste della storia e testimoni del nostro tempo, ma hanno tracciato strade e visioni per il futuro dell’Isola».

La spedizione degli editori sardi a Torino ha raccolto oltre duemila titoli di trenta case editrici di tutta l’Isola: Abbà, Aipsa, Alfa, Archivi del Sud, Arkadia, Carlo Delfino, Catartica, Condaghes, Edes, Ediuni, Edizioni della Torre, Enrico Spanu, Segnavia, G.C. Edizioni, Gia, Grafica del Parteolla, Ilisso, Imago Multimedia, Il Maestrale, Iskra Edizioni, Janus Editore, La Zattera, Maxottantotto, Mediando, NOR, Paolo Sorba, Papiros, PTM, Soter, Taphros. Grande anche la soddisfazione della presidente dell’AES, Simonetta Castia: «È un eccellente risultato che premia la nostra iniziativa a soli sette mesi dall’edizione precedente del Salone. L’aumento di oltre la metà dei libri venduti rispetto al 2021 sottolinea che la nostra idea di presenza alla più grande mostra-mercato europea era quella giusta».

L’Aes ha curato ben quindici eventi, tra concerti, presentazioni e dibattiti, oltre ad aver curato il programma della Regione Sardegna che era presente al Salone del Libro con un suo sito istituzionale. «Il Salone del libro di Torino – ha concluso l’assessore Andrea Biancareddu – è la più importante manifestazione italiana nel campo dell’editoria, un prestigioso festival internazionale che consente, sotto il profilo istituzionale, di conseguire obiettivi di promozione dell’isola, visibilità e inserimento del libro sardo nei mercati esteri».

Davide Mosca

[aps-counter]