Home / Gourmet  / Prodotti Tipici  / Emilio Rocchino, l’alchimista dei liquori e dei distillati

Emilio Rocchino, l’alchimista dei liquori e dei distillati

Il barman che vive e lavora a Olbia è il creatore dell’etichetta Macchia. I suoi prodotti a base di botaniche sarde sono tra i più apprezzati in assoluto

Emilio Rocchino

L’alchimista dei liquori ha i baffetti all’insù e una mente che non smette di elaborare idee e intuizioni dai sapori inebrianti. Emilio Rocchino è il genio degli aromi e della miscelazione. Salernitano di origine, vive e lavora ormai da parecchi anni a Olbia. Di professione ha sempre fatto il barman, ma nel 2015 ha deciso di andare oltre e di creare finalmente un qualcosa di suo. Alla fine è nata una azienda che si chiama Macchia Mediterranea, più conosciuta come Macchia: una etichetta attraverso la quale crea liquori e distillati di nicchia subito in grado di essere apprezzati anche al di là dei confini regionali e nazionali. Emilio Rocchino, per le sue produzioni, unisce tradizione e innovazione, mettendo al centro di tutto le erbe, le spezie, i vini e le bacche che si trovano in Sardegna. Tra le sue produzioni si possono dunque trovare il vermouth, il gin, il bitter e addirittura una vodka al pane carasau.

Il miscelatore

Emilio Rocchino, formatore di barman e che nel centro storico di Olbia ha anche aperto due piccoli ed eleganti locali dove si possono degustare i suoi e tanti altri prodotti di qualità, non lascia nulla al caso. Lui mette insieme, crea, sperimenta, senza però mai tradire la storia e la tradizione. Fin dal suo arrivo in Sardegna, ha sempre amato passeggiare per la natura più selvaggia per dedicarsi allo studio della botanica locale. 

Ed è infatti dalla macchia mediterranea che il miscelatore di Salerno, classe 1982, trae ispirazione per la creazione dei suoi prodotti. Soprattutto nella sua primissima creazione, cioè il Vermouth Rosso al mirto, Emilio Rocchino aveva per esempio rievocato, dal punto di vista dei sapori, quello che era il regno sardo-piemontese.

«Nasce dall’unione di tre importanti fattori. La tradizione, poiché il vermouth colloca le sue origini in Piemonte, nel 1786. L’evoluzione, perché viene introdotta la variante del mirto, tipico arbusto della Sardegna anticamente impiegato per dolcificare i vini – spiega. E poi la storicità, che lega entrambe le regioni nel regno di Sardegna e Piemonte. Vino bianco, puro zucchero di canna, una ricercata selezione di erbe e di spezie e la particolarità delle bacche di mirto, rendono questo vermouth unico nel suo genere».

I prodotti Macchia

I liquori e i distillati di Emilio Rocchino, esportati anche in alcune città europee, sono amatissimi da tutti gli intenditori. Nel giro di pochi anni il miscelatore è infatti riuscito a creare e lanciare diversi prodotti. Si parte dunque dal Vermouth Rosso al mirto, con un chiaro omaggio alla Sardegna. Poi c’è il Vermouth Bianco Maestrale, con spezie, vini e agrumi sempre isolani, e anche il Vermouth Dry Marino, che esalta le note salmastre. E poi ancora il Bitter Rosso Tradizionale e il Gin Macchia Selvaggio, sempre con le botaniche sarde in primissimo piano. Tra le tante curiosità, inoltre, anche una vodka al pane carasau, che è il pane simbolo della Sardegna. In edizione limitata era stato infine lanciato un Negroni realizzato con prodotti rigorosamente Macchia.

Dario Budroni

Credit: foto scattate da Giuseppe Ortu

[aps-counter]