Home / Stili di Vita  / Benessere & Sostenibilità  / Bouldering, nuove sfide tra le rocce galluresi

Bouldering, nuove sfide tra le rocce galluresi

Sono sempre più numerosi gli sportivi che vanno alla conquista dei giganteschi massi che punteggiano il nord dell’isola

Bouldering

Parli di arrampicata e pensi subito allo sportivo equipaggiato con corde e caschetto, ad altissime montagne e a itinerari infiniti. L’associazione è immediata ed elementare, tuttavia in Sardegna non è l’unica né la prima attività che gli sportivi sono soliti fare. Proprio tra questi paradisi granitici ormai da qualche tempo viene infatti praticato uno sport che parla di forza e di temerarietà e che nulla ha da invidiare all’impavido scalatore di montagne. Si tratta del bouldering (boulder in inglese significa proprio masso, macigno), una pratica che consiste nell’arrampicarsi sopra i tanti massi alti fino a 10 metri che punteggiano gli scenari dell’isola e che danno del filo da torcere a chi sfida la loro grandezza. Trovare lo spot perfetto non è così semplice, serve una conformazione precisa che è stata individuata soprattutto nei paesaggi della Gallura, nelle zone di Luogosanto e Tempio Pausania, che negli anni sono diventati veri e propri centri per gli appassionati, insieme alle vicine Santa Teresa di Gallura e Arzachena. Tra queste valli spettacolari gli scalatori o climbers cercano con minuzia le zone di arrampicata già esplorate da altri oppure liberano a loro volta dei nuovi blocchi immersi nella vegetazione. Il processo è affascinante e la scalata avviene senza l’utilizzo di corde o altro equipaggiamento se non dell’abbigliamento comodo, le scarpette apposite e dei materassi da caduta. La cosa più stupefacente, tuttavia, è la ricompensa dopo la scalata: i grandi massi sono infatti silenziosi guardiani di luoghi dalla bellezza sconfinata e si trovano spesso anche a centinaia di metri sopra il livello del mare, regalando panorami indimenticabili come le selvagge foreste interne del Monte Limbara o le bellissime coste con vista sulla vicina Corsica e sul mare della Sardegna.

Benedetta Piras

Credits

  • daniela-araya unsplash

[aps-counter]