Home / Dintorni/Attualità  / A San Teodoro incoronati i campioni nazionali Acsi di SWIMTHEISLAND

A San Teodoro incoronati i campioni nazionali Acsi di SWIMTHEISLAND

Presente anche il campione Luca Sacchi che ha festeggiato con un terzo posto il bronzo conquistato alle olimpiadi del 1992

San Teodoro

La location rimarrà ben impressa nei ricordi di questi atleti. Perché la spiaggia de La Cinta è una delle più belle al mondo. Gareggiare qui in queste acque cristalline, nell’Area Naturale Marina Protetta Tavolara – Punta Coda Cavallo è un privilegio. Lo sanno bene i seicento nuotatori che hanno preso parte alla seconda edizione di Swimtheisland San Teodoro, manifestazione nata dalla sinergia tra TriO Events, Endu e Comune di San Teodoro, con il supporto di Jaked. Numeri record di iscritti che sono praticamente raddoppiati rispetto all’anno scorso anche grazie all’assegnazione dei titoli nazionali ACSi di nuoto in acque libere.

A strappare l’oro tra le donne sui 1.800 m (mezzofondo, Short Swim) è stata la velocissima Anna Buso (Nord-Est H20) in 22’17”, seguita da Martina Cogo in 26’28” e Samantha Gaspari in 26’40”. Illustre podio maschile con la presenza di Luca Sacchi, tecnico, commentatore tv e amico di Swimtheisland, che festeggia con un terzo posto in 24’31” i 30 anni dalla medaglia di bronzo alle Olimpiadi ’92 nei 400 misti.

Titolo nazionale a Bruno Orizio in 22’49”, staccatosi da Matteo Francesco Corradini con il tempo di 23’43”.   «Dopo aver partecipato in incognito a Swimtheisland qualche anno fa – ha dichiarato Luca Sacchi – sono diventato un vero supporter del nuoto in acque libere. Attraverso il piacere di qualcosa che mi è stato insegnato da bambino, ma senza lo stress della prestazione, mi ha fatto riscoprire una immensa passione. Nuotare in simili contesti immersi nella natura ha un valore inestimabile e vorrei che la mia testimonianza sportiva possa indurre a praticare questa disciplina quanti più bambini e ragazzi, come quelli incontrati nell’Istituto di San Teodoro».

Grande la soddisfazione anche per la trevigiana Anna Buso: «È la mia prima tappa in Sardegna, ho sempre partecipato alle competizioni di Sirmione e Bergeggi anche se su distanze più lunghe. Questa volta ho provato un tracciato diverso per tirarla tutta. Mare stupendo, nel tratto più ampio tirava molto con vento contro, bisognava tenere la testa bassa e dare il massimo».

Meravigliosa, infine, la Sunset Swim al tramonto. Una rilessante nuotata di 1100 metri non competitiva diventata ormai una tappa fissa di ogni tappa, ma che qui è stata particolarmente amata dai nuotatori. Prossimi appuntamenti? Sirmione il 25 e 26 giugno e Golfo dell’Isola l’1-2 ottobre.

Davide Mosca

[aps-counter]